Follow Us

Helle: luci e ombre dell’uomo e delle sue maschere

Primo lavoro per Helle, dieci gli inediti che fanno seguito a due singoli che inaspettatamente in questo disco non appaiono. Disco intitolato “Disonore” che si regge dentro una elettronica portante che determina tutto o quasi… tante le visioni e le sensazioni che ci arrivano, dall’ascolto anche se su tutte impera questa aria evanescente, un poco orientale complice anche la sua timbrica di voce… e poi anche queste aperture in maggiore riempite d’aria e di suono nebuloso o il mix di voce assai particolare, per niente figlio del pop italiano, portano il lavoro fuori dalle solite etichette e anzi per la maggior parte si rende difficile orientarsi a vista. E qui chiamiamo in causa un brano come “Rispetto” che dalla intro decisamente metropolitana si caratterizza subito con qualcosa che sembra esser uscito da una hit nipponica… e forse in questo brano più che in altri mi torna più alla mente quel pop americano alla Lenny Kravitz (Giappone a parte s’intenda).

E poi che bella e che caratterizzante è “Carovane”, singolo che troviamo in rete anche con un video ufficiale decisamente lo-fi: forse il brano più forte dal punto di vista melodico, dove sottolineo con gusto quanto sia efficace la chiusa della linea melodica… e l’inciso assolutamente vincente, qui (azzardo) più aderente alla tradizione italiana. Altro momento vincente fuori dalle nostre abitudini è “Tom”, brano che sfoglia un certo modo (metropolitano, manco a dirlo) di pensare alla leggerezza del pop, sicuramente di una forza maggiore dentro le strofe più che nei ritornelli. Quasi che si vedono e si toccano con mano le periferie di confine dentro calde serate d’estate… e l’estate sembra comunque un tassello che torna nei colori di questo suono, colori sbiaditi, a volte trascinati, colori opachi macchiati dall’afa… e poi “Chimere” è un altro momento alto del disco, dove la forma sfoggia grandi soluzione classiche (è vero) ma allo stesso tempo sa come scrivere la sua di personalità… e di nuovo la voce nella sua estetica torna vincente, momenti corali, quasi cattedratici, voci lontane che si espandono dentro i riverberi… Devo dire che gli ingredienti sono però un po’ sempre gli stessi e dopo poco l’ascolto rischia di farsi monotono con il risultato che 10 inediti diventano difficili da smaltire. Helle sforna un lavoro preciso e anacronistico, senza legami di sorta alle mode indie-pop di oggi a cui, viste le potenzialità, avremmo chiesto una maggiore varianza del tutto… nonostante questo, ci fossero dischi così in questo tempo di format violenti, quasi ovunque già passati di moda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.